Home | FICTION e altri programmi tv | RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE, anticipazioni ultima puntata del 26 ottobre 2016

RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE, anticipazioni ultima puntata del 26 ottobre 2016

Sabrina Ferilli e Sergio Assisi, RImbocchiamoci le maniche
Sabrina Ferilli e Sergio Assisi, RImbocchiamoci le maniche

Anticipazioni ottava ed ultima puntata della fiction Rimbocchiamoci le maniche, in onda mercoledì 26 ottobre in prima serata su Canale 5. Titolo dell’episodio: Le case popolari.

Rosa (Francesca Antonelli) guida un gruppo di famiglie nell’occupazione di una palazzina abbandonata. Angela (Sabrina Ferilli), non potendo minimizzare quell’azione illecita, le chiede di dimettersi dal consiglio comunale ma fa in modo che la Martini costruzioni destini per qualche anno quegli appartamenti all’edilizia popolare.

Delfino (Alberto Molinari) presenta una mozione di sfiducia verso la Sindaca potendo ormai contare oltre che su Rosa anche su Daniela (Monica Dugo). Angela, sentendosi isolata – anche a causa della distanza di Paolo (David Coco) che è volato in Sicilia per definire il suo divorzio – decide di mettere fine alla sua esperienza da Sindaca. A peggiorare la situazione emotiva di Angela c’è anche la scoperta di una talpa che ha sabotato i lavori in fabbrica: non è Gina (Michela Andreozzi) – come tutti sospettavano – e sarà l’intervento di Fabio (Sergio Assisi) a far venire allo scoperto il vero responsabile…

Le case vengono assegnate ma Rosa, mentendo sul suo stato di salute, scavalca Fabio e la madre. Anche questa bugia verrà a galla e Angela – ancora più rattristata – è pronta a confermare le sue dimissioni. Un accorato discorso del marito convincerà tanti consiglieri a rinnovare la fiducia alla Sindaca. Rosa si redime, torna al fianco della compagna di tante battaglie e sposa Costantino (Antonio Milo), mentre Angela capisce che c’è forse un nuovo capitolo da scrivere nella sua vita: una nuova fase politica, un’altra possibilità per la fabbrica e una ritrovata armonia familiare con il marito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *