Home | IL PARADISO DELLE SIGNORE anticipazioni e trame | Il Paradiso delle Signore, Grace Ambrose a Tv Soap: “Stefania Colombo è una ragazza ingenua con la testa un po’ tra le nuvole!”

Il Paradiso delle Signore, Grace Ambrose a Tv Soap: “Stefania Colombo è una ragazza ingenua con la testa un po’ tra le nuvole!”

Grace Ambrose
Grace Ambrose / Foto di Federico D'Onofrio

A Il Paradiso delle Signore, i telespettatori hanno appena avuto modo di conoscere la giovane Stefania Colombo. La new entry è interpretata da Grace Ambrose, attrice già vista al cinema in Compromessi Sposi di Francesco Miccichè e Il Primo Natale di Ficarra & Picone. Noi di Tv Soap abbiamo incontrato Grace, per conoscere meglio sia lei e sia il personaggio a cui presterà il volto nella fiction daily di Rai 1.


Leggi anche: UOMINI E DONNE oggi, 25 novembre: Roberta e Riccardo, ritorno di fiamma?


Il paradiso delle signore: Tv Soap intervista GRACE AMBROSE (Stefania Colombo)

Ciao Grace, benvenuta su Tv Soap. Il personaggio che interpreti a Il Paradiso delle Signore è quello di Stefania Colombo. Cosa puoi dirci di lei?

Stefania Colombo è una ragazza di 18 anni. È nata a Lecco, è orfana di madre e ha un papà poco presente perché lavora spesso fuori. Vive insieme alla zia Ernesta (Pia Engleberth), che la porta a Milano per aprire un po’ i suoi orizzonti. Lì le due donne vengono ospitate dalla famiglia Cattaneo, che Stefania conosce perché sono degli amici di famiglia.

Come la descriveresti “caratterialmente”?

Ti do una descrizione che non mi sono data io, ma il regista. Ad ogni personaggio, lui è solito dare due aggettivi. Mi ha detto che Stefania è una ragazza ingenua, ma desiderosa. È un’amante della moda, della vita mondana, del cinema, dei pettegolezzi, dei rotocalchi. Ha un po’ la testa tra le nuvole, sogna il grande amore, di avere una famiglia. È desiderosa perché sogna in grande, insomma. Spera di lavorare al Paradiso, nel mondo della moda. La vita di Milano la porterà ad approcciarsi con persone più grandi di lei e a crescere in quel senso. Il suo soggiorno lì sarà utile anche per farle capire che non è tutto oro ciò che luccica.

Si può dunque definire una sorta di eroina romantica?

Diciamo che è piccola e ingenua. È felice di tutto ciò che le avviene. La vita di Milano la colpisce. Stefania è un personaggio leggero, frizzante. Spero piaccia al pubblico.

Si è già capito che Stefania arriva a Milano infatuata di Federico Cattaneo (Alessandro Fella), giusto?

Sì, ha questa cottarella per Federico, che ha sempre stimato fin da quando era più piccolo. Era un suo amico di famiglia più grande di lei. La cotta per lui è nata quando era piccola e, quando lo rivede trasformato in un businessman e con un lavoro al Paradiso delle Signore, rimane ancora una volta totalmente affascinata dalla sua persona.

Da quanto mi è sembrato di capire, Stefania avrà anche una predilezione per Gabriella Rossi (Ilaria Rossi), questa stilista che si sta affermando sempre di più…

Esatto. Segue tantissimo la moda, legge tutte le riviste e stima Gabriella Rossi perché, partendo dal basso e come semplice Venere, è riuscita a diventare la stilista del Paradiso delle Signore. Non so bene se Stefania sappia di voler diventare una vera e propria stilista, ma ha ben chiaro di voler lavorare nel mondo della moda. Per questa ragazza è dunque già tantissimo il pensiero di poter diventare una Venere. Tra l’altro è anche colpita dallo stile di vita raggiunto dalla Rossi, che sta per sposare Cosimo Bergamini (Alessandro Cosentini), un uomo ricchissimo. Sogna anche lei di vedere, un giorno, la sua faccia sulle riviste mondane.

Beh, dalle foto che girano in rete credo sia già chiaro che Stefania diventerà una Venere…

Si, questa cosa è già uscita dalle foto sui social. Farà di tutto per diventarlo. Cercherà di convincere tutti di provare a raccomandarla per farle fare una prova. Sarà convinta di potercela fare e, alla fine, ci riuscirà!

Stefania Colombo (Grace Ambrose)
Stefania Colombo (Grace Ambrose)

Passiamo alle domande un po’ più tecniche. Come sei arrivata sul set della soap? Hai fatto un provino?

In realtà ne ho fatti quattro. Ho cominciato da due self tape fatti a casa, perché in questo periodo si stanno limitando in tutti i modi per evitare i contatti, almeno inizialmente. In seguito, sono stata convocata di persona alla presenza di Daniele Carnacina, il direttore artistico della fiction, e delle casting director. Poi sono arrivati i provini con alcuni degli attori.

I colleghi come ti hanno accolto?

Mi trovo benissimo. Quando mi hanno detto che sarei stata nove mesi sul set, devo essere sincera, una parte di me si è un po’ spaventata. Più che altro perché può andarti bene ma anche male. Per quanto un progetto sia bello e valido, a volte capitano persino dei set negativi. Invece, al Paradiso non mi sono mai sentita l’ultima arrivata fin dal primo giorno. Mi hanno accolto in questa grande famiglia, dove sono tutti uniti. Ho legato subito con alcuni di loro. Ad esempio, ero lì da qualche giorno e mi hanno invitato a fare ferragosto insieme in Toscana. Mi sono trovata molto bene sia con il cast e sia con gli altri membri della troupe.

I ritmi del set sono molto frenetici?

Abbastanza, non mi era mai capitato un set così frenetico, però la giornata passa e ti senti a tuo agio. A volte, quando torno a casa, mi chiedo se davvero io abbia girato così tante scene in un giorno, ma l’ambiente è bello e il ritmo non mi pesa così tanto. È vero che sono arrivata da poco, ma tutto mi sembra davvero fantastico.

Seguivi già il Paradiso?

Non lo seguivo, al contrario di mia nonna. Purtroppo è venuta a mancare a gennaio. È stata una bella botta perché so che le avrebbe fatto immensamente piacere. Non lo seguivo, ma adesso sì e sono diventata una fan. Mi guardo tutte le puntate appena torno a casa. Prima del set, mi sono fatta una cultura del Paradiso. D’altronde Stefania è una che sa tutto di tutti. Come potevo arrivare senza sapere chi fossero i Guarnieri o i Bergamini? Mi sono dovuta assolutamente informare!

Parliamo di te come attrice. Quando è nata la passione per la recitazione?

Ho iniziato a fare teatro quando avevo otto anni. Ero andata a vedere un saggio teatrale di un mio amico e ne ero rimasta incantata. Non parlavo di altro. L’anno successivo, mia mamma ha deciso di iscrivermi a quel corso di teatro, che non ho mai lasciato fino al compimento del mio diciottesimo anno d’età. Non ho però mai pensato ad un’ipotetica carriera finché non ho finito il liceo. È allora che è sorto in me l’interrogativo vero e proprio su cosa volessi fare da grande. Da lì, spettacolo dopo spettacolo, ho iniziato a pensare che quella passione potesse trasformarsi in una carriera. E non mi sono più fermata. Negli ultimi due anni la situazione si è un po’ mossa e sta andando in una bella direzione…

Ho alcune curiosità da chiederti. La prima riguarda Grace Ambrose, il tuo nome straniero…

Mia mamma, anche se ha dei parenti italiani, è americana. È nata nel Michigan e si è trasferita in Italia, quando ha conosciuto mio padre, che fa l’assistente di volo. Il mio cognome è Ambrose perché papà è per metà inglese. Si sono conosciuti quando lui, in uno dei suoi primi voli, è andato a New York. Tramite dei cugini si sono messi in contatto e mamma è venuta in Italia per lui. Tra l’altro, anche lei voleva fare l’attrice: aveva appena finito l’università, aveva fatto qualche provino e, visto che era cantante lirica, era più in direzione Broadway. Non mi ha mai spinto a fare l’attrice, anche se non me l’ha mai negato, e questo mestiere è capitato di conseguenza perché mi ha sempre inserito nella musica, nell’arte, nel teatro.

Hai qualche sogno nel cassetto? Un desiderio da realizzare?

Proprio per via di mia madre e di Broadway, amo i musical. Fare un film musical sarebbe davvero un sogno. Spero un giorno di poter semplicemente arrivare lì. Amo l’Italia e tutto quello che mi sta dando. Spero un giorno di poter lavorare sia lì che qui.

Ultima domanda. Cosa ti piace fare nel tempo libero?

In realtà, in questi anni ne ho avuto pochissimo perché ho collaborato con una compagnia di teatro per bambini. Ogni weekend facevamo uno spettacolo, cosa che comportava avere le prove ogni giorno, mentre il mercoledì insegno recitazione in teatro a due gruppi di bambini. La mia settimana era questa, non ho avuto modo di sviluppare altri hobby. Stare con i bimbi è divertente e emozionante. Anche io sono stata una bambina di otto anni appassionata di teatro, quindi sia recitare e sia insegnare ai piccoli è divertentissimo!

Grace Ambrose
Grace Ambrose / Foto di Federico D’Onofrio

Con la collaborazione di Sante Cossentino per MassMedia Comunicazione

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Il paradiso delle signore: tutte le nostre news anche su Instagram (entrando da QUI)