Tv Soap intervista l’attore PIO STELLACCIO

Pio Stellaccio
Pio Stellaccio

Condividi questa notizia!

Tre attori in affitto, lo spettacolo teatrale in scena a Roma dal 12 gennaio al teatro Cyrano, e poi in tournée, vede nel cast Pio Stellaccio, che abbiamo visto in questa stagione tv nella fortunata fiction L’Isola di Pietro.

Pio, com’è nato questo progetto teatrale?

Il progetto è nato da un’idea di Vittorio Hamarz Vasfi, che ci ha creduto tenacemente impegnandosi in prima persona a vari livelli. Io sono entrato a far parte del gruppo per ultimo, ma ho facilmente trovato l’affiatamento con gli altri. Interpreto un personaggio di origini napoletane, di nome Ciro, che come i suoi due coinquilini si divide tra il mestiere discontinuo dell’attore ed un impiego più remunerativo. A differenza degli altri due, però, questa seconda sua segreta occupazione è davvero molto particolare.

Come vivi la popolarità avuta con L’Isola di Pietro nel ruolo del cattivo?

Sono molto grato a chi mi ha scelto per questo ruolo perché, oltre a darmi una grande visibilità, mi ha regalato la possibilità di mostrare altre “corde” della mia recitazione.

È stata una bella esperienza?

Sì, e quella dell’Isola di Pietro è stata anche una grande esperienza dal punto di vista umano: ho avuto la possibilità di lavorare con un gruppo coeso composto da persone aperte, genuine e divertenti, Gianni Morandi in primis.

Hai recitato in altre fiction. A quale ruolo sei più legato?

Di sicuro uno dei ruoli a cui sono più legato è quello di Adriano Labucci de Il clan dei camorristi. È stato il primo ruolo da coprotagonista affidatomi da un regista (Alessandro Angelini) con grande convinzione.

Cosa preferisci tra cinema, tv e teatro?

Il teatro è senza dubbio il mio elemento naturale, quello in cui riesco ad esprimermi con la maggiore libertà creativa. Da spettatore, invece, adoro il cinema.


Condividi questa notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *