Home | UN POSTO AL SOLE news e anticipazioni | Un posto al sole: intervista a MAX SCHIOPPA (Ciro Pinaso)

Un posto al sole: intervista a MAX SCHIOPPA (Ciro Pinaso)

MAX SCHIOPPA è Ciro Pinaso in Un posto al sole
MAX SCHIOPPA è Ciro Pinaso in Un posto al sole

Incontriamo oggi Max Schioppa, che a Un posto al sole interpreta di tanto in tanto il “fastidioso” venditore ambulante Ciro Pinaso ma che ha anche un ruolo dietro le quinte: è il responsabile grafico della soap.

Quando sei stato scelto per interpretare Pinaso?

Ciro Pinaso è un personaggio fantastico, un Forrest Gump “alla napoletana”, frutto della penna e dell’inventiva dei due autori Paolo Terracciano (head writer della soap) e Guglielmo Finazzer. È un personaggio tipico della fauna urbana napoletana. Sono stato chiamato a fare il provino per questo meraviglioso clown nel lontano 2002 e a distanza di 16 anni sono sempre emozionato e felice ogni volta che sono chiamato ad interpretarlo.

Come ti trovi sul set?

Sul set mi trovo veramente come a casa mia, ma non è un eufemismo o una frase fatta: conosco e voglio bene (credo sia reciproco il sentimento) ad ogni singola persona presente, dall’ultimo dei tecnici macchinisti ai registi passando per gli attori. Stare sul set per me è come una panacea, una volta avevo 39 di febbre ed un raffreddore da fieno ma, appena il segretario di produzione chiamò il “nero”, mi sono sentito subito un leone!

Com’è il tuo rapporto con i tanti colleghi della soap che conosci bene (anche perché curi web e grafica)?

Ho uno splendido rapporto con ognuno dei miei amici-colleghi che conosco da anni e vedo quasi tutti i giorni; con alcuni di loro si è instaurato anche un rapporto che va oltre il set, condividendo un buon film o una buona pizza insieme.

Quale altro ruolo ti sarebbe piaciuto interpretare tra i tanti personaggi della soap?

Il ruolo che amo più di tutti e che quindi mi sarebbe piaciuto interpretare, ma non ho il “phisique du role”,  è quello di Franco Boschi: l’eroe Franco, il paladino Franco, sempre umile ma sempre decisivo e altruista. Penso che Franco sia l’amico che tutti vorremmo avere e fortunatamente io mi onoro dell’amicizia di Peppe Zarbo, che lo interpreta, ed a cui riconosco nella vita reale tutte le migliori qualità di Franco.

Quali sono state le tue esperienze precedenti a Upas?

Prima di Upas ho fatto poche esperienze recitative: un paio di cose teatrali al liceo, alcuni “corti” che hanno vinto anche dei premi e la primissima esperienza recitativa professionale è stata un piccolo ruolo ne “La squadra”. La verità è che fino a quando non ho conosciuto Ciro Pinaso non avevo mai pensato alla carriera di attore… È un po’ come quando si pensa a dividere la propria vita con una ragazza solo quando si incontra quella giusta!

Altri progetti in cantiere?

Il progetto principale è sempre quello di interpretare il “candido” Pinaso; poi ovviamente, come tutti gli attori, mille provini e mille speranze!

Sul fronte privato, cosa ti va di raccontare di te?

Oltre a fare l’attore (ho fatto tante altre cose fuori dalla famiglia di UPAS), nel lontano 1983 nasco come grafico-illustratore, professione che amo ed ho sempre sognato di esercitare fin da bambino nonostante gli studi mi avessero portato verso altri lidi; sono appassionato collezionista di fumetti, giocattoli ed oggetti di modernariato, amo tutto ciò che è vintage, dico sempre che “vivo nel passato, il presente mi annoia e il futuro mi spaventa”. Ho una cockerina, Pupy, che adoro e, a proposito, tra qualche mese la mia adorata Fabiana mi regalerà un piccolo “Pinaso”. Chissà se seguirà le mie orme o invece sarà una persona seria!

Da non perdere: diventa fan della nostra pagina Facebook su Un posto al sole. Ecco l’indirizzo: https://www.facebook.com/unpostoalsolesutvsoap/

Attenzione: hai TELEGRAM sul tuo smartphone? Allora iscriviti al nostro canale per essere sempre aggiornato su tutte le anticipazioni! Ecco l’indirizzo: http://www.telegram.me/tvsoap.

Vi ricordiamo che tutte le notizie sulle anticipazioni di Un posto al sole SONO QUILe trame delle puntate, invece, SONO QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *