Home | IL PARADISO DELLE SIGNORE anticipazioni e trame | IL PARADISO DELLE SIGNORE, anticipazioni e trame dal 26 al 30 novembre 2018

IL PARADISO DELLE SIGNORE, anticipazioni e trame dal 26 al 30 novembre 2018

MARTA / Il paradiso delle signore
MARTA / Il paradiso delle signore

Anticipazioni settimanali puntate Il paradiso delle signore daily da lunedì 26 a venerdì 30 novembre 2018:

La famiglia Amato è in allarme a causa della scomparsa di Agnese.

Nicoletta chiude definitivamente con Riccardo e il ragazzo ne rimane ferito più di quanto si aspettasse.

Umberto scopre le sue carte con Andreina: in cambio della libertà, dovrà cedergli il Paradiso delle Signore.

Dopo la rottura tra Riccardo e Nicoletta, Adelaide decide di intervenire personalmente e organizza un incontro con Silvia Cattaneo.

Marta, consapevole di non riuscire a dimenticare Vittorio, decide di prendere le distanze da Luca.

Agnese rivela finalmente ai figli la verità sulla fuga del padre.

Andreina nasconde a Vittorio l’offerta che le ha fatto Umberto Guarnieri. Intanto Marta riceve un’allettante proposta di lavoro da parte di un editore; ciò però la porta a scontrarsi duramente con Vittorio, il quale non riesce ad accettare l’idea che la ragazza possa lasciare il Paradiso.

Antonio decide di non incontrare il nuovo capo clan per negoziare il ritorno del padre, ma Agnese non prende bene il rifiuto del figlio.

Federico Cattaneo è deciso a farla pagare a Riccardo per il modo in cui ha trattato la sorella. Mentre Luciano gli impone di restare fuori dalla questione, Silvia concorda con il figlio: i Guarnieri non dovranno passarla liscia.

Luca è sempre più pressato dagli investitori e riceve un inaspettato aiuto da Adelaide.

Silvia minaccia Umberto di rovinarlo se non costringerà Riccardo a sposare Nicoletta.

Andreina, provata dalla vita in carcere, finisce per cedere al ricatto di Guarnieri.

Un commento

  1. silvio fontanazza

    Complimenti a tutti gli artisti BRAVISSIMI. Così pure ideatore,regista e produzione del “PARADISO delle SIGNORE”.
    Silvio Fontanazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *