Home | UNA VITA news e anticipazioni | QUESTA SETTIMANA a UNA VITA, anticipazioni fino al 25 maggio

QUESTA SETTIMANA a UNA VITA, anticipazioni fino al 25 maggio

Leonor, Rosina e Liberto / Copyright foto: MEDIASET e BOOMERANG TV
Leonor, Rosina e Liberto / Copyright foto: MEDIASET e BOOMERANG TV

Pronti? Inizia una nuova settimana della telenovela Una vita, che vedremo anche (su Rete 4) alle 22,30 di martedì 21 maggio. Vi riepiloghiamo anticipazioni e trame della settimana in partenza:

Ursula dà la falsa lettera a Samuel, il quale pensa così che i due amanti intendano incontrarsi. Il giovane Alday si prepara ad affrontare Diego, progettandone la morte.

La situazione per le strade è molto tesa e sempre più lavoratori marciano verso la città per unirsi alla protesta. Ramon avverte Ribau: messo alle strette, non si farà problemi a rivelare chi è il vero responsabile della morte del minatore nel giacimento. Silvia e Zavala convolano a nozze e, durante il suo discorso al ricevimento, Arturo tradisce un forte trasporto verso la sposa, che non passa inosservato; il generale ha un moto di gelosia, ma Silvia riesce a tranquillizzarlo, al punto che quando Tamayo tenta di nuovo di metterlo in guardia dall’eccessiva invadenza della donna, lui lo liquida e ribadisce di nutrire totale fiducia verso la moglie. Blanca è terrorizzata da Samuel e fa di tutto per evitarlo, ma alla fine, a causa dei maneggi di Ursula, si ritrova in casa da sola con lui che, messa da parte ogni remora, le piomba in camera deciso a prenderla con la forza…

Blanca chiarisce a Samuel che non avrà mai il suo cuore e il suo rispetto. Il giovane si è pentito di averla forzata, ma Ursula insiste che è la cosa giusta.

Huertas avverte Ramon che gli operai ce l’hanno con lui e l’uomo decide di non fuggire e affrontare la situazione. Blanca confessa a Jaime che Samuel l’ha forzata. Arrivano le guardie per fermare la rivolta e, quando si sta per arrivare alla violenza, compare Diego insieme a un altro gruppo di minatori.

Samuel impedisce a Blanca di raggiungere Diego in strada non appena lo vede arrivare con gli operai. Diego cerca di negoziare con i militari.

Flora, in un momento di tensione, cerca di per baciare Liberto. Casilda teme per suo marito e lascia Rosina da sola a casa per raggiungere Acacias.

Martin viene colpito da una pallottola nel petto per salvare Diego e muore. Casilda viene accidentalmente colpita in testa dal calcio del fucile di una guardia e perde conoscenza.

Diego è stato ammanettato e Blanca cerca di intervenire, ma viene presa di peso da Samuel e riportata in casa; qui la ragazza è in preda a una crisi di nervi.

Il dottor Briz non riesce a fermare l’emorragia di Blanca, che teme di perdere il bambino. Samuel crede che suo figlio morirà per punirlo di tutte le malefatte sue e di Ursula.

Silvia intuisce che Zavala la sta avvelenando, ma continua a interpretare la parte della moglie devota.

Jaime chiede di vedere Blanca, ma Ursula glielo impedisce sostenendo che deve riposare e che non vuole farsi vedere in quelle condizioni. Il medico chiamato da Zavala afferma che Silvia è sana, ma la donna non si fida. Arturo torna a casa del generale, gli porge le sue scuse e gli porta in dono i gioielli della sua defunta moglie, chiedendo di poter tornare nell’Associazione dei Patrioti. Liberto dice a Flora che il loro bacio è stato un errore e che non dovrà più ripetersi. Casilda è ancora intontita dai calmanti e non partecipa al funerale di Martín. Ramon, Liberto e Huertas firmano l’accordo da proporre agli operai. Grazie a Carmen, Jaime e Blanca riescono a parlare e il gioielliere le confessa che Diego è ancora malato e che l’ha lasciata per non obbligarla ad assisterlo nei suoi ultimi giorni.

Da non perdere: diventa fan della nostra pagina Facebook su Una vita, del nostro account Instagram e del nostro canale Telegram per essere sempre aggiornato su tutte le anticipazioni!

Vi ricordiamo che tutte le notizie sulle anticipazioni italiane e spagnole di Una vita SONO QUI. Le trame delle puntate, invece, SONO QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *