Home | UN POSTO AL SOLE news e anticipazioni | Un posto al sole anticipazioni: DIEGO ricorderà, l’iniziativa shock!

Un posto al sole anticipazioni: DIEGO ricorderà, l’iniziativa shock!

DIEGO / Upas
DIEGO / Upas

A Un posto al sole, il pubblico ha ormai ben compreso come sia andata davvero la questione del tentativo di omicidio di Aldo Leone (Luca Capuano). Ma l’attuale narrazione della soap ha incuriosito non poco i nostri lettori, che ora si chiedono se la storia si stia avviando a conclusione senza una verità conclamata.

In effetti, Diego (Francesco Vitiello) uscirà sì dal carcere ma le anticipazioni non sembrano svelare platealmente la colpevolezza di Jacopo Leone (Matteo Santorum) in tutta questa faccenda. Per meglio dire: noi telespettatori sappiamo ormai tutto, ma i personaggi di Upas no. Le cose cambieranno?

Un posto al sole spoiler: DIEGO avrà dei “flash”, ricorderà quanto è successo?

Iniziamo col ribadire che Diego riceverà a breve il supporto del fratello Patrizio (Lorenzo Sarcinelli) e presto per lui ci sarà anche la possibilità di un nuovo lavoro. Ma al giovane Giordano tutto questo non basterà…

Eh sì, Diego vuole la verità su quanto è accaduto quella famosa notte e l’occasione affinché ciò avvenga potrebbe arrivare presto: occhio perché il nostro protagonista inizierà ad avere dei “flash” nella sua mente, ricordi che potrebbero rivelarsi importanti…

Un posto al sole: tutte le nostre news anche su Instagram (entrando da QUI). Seguiteci!

Dunque la vicenda Leone ha ancora delle carte da giocare, ma attenzione: non è detto che tutti credano in automatico alle nuove informazioni fornite da Diego, tant’è vero che alla fine sarà lui a dover prendere un’iniziativa shock!

Da non perdere: diventa fan della nostra pagina Facebook su Un posto al sole, del nostro account Instagram e del nostro canale Telegram per essere sempre aggiornato su tutte le anticipazioni!

Vi ricordiamo che tutte le notizie sulle anticipazioni di Un posto al sole SONO QUI. Le trame delle puntate, invece, SONO QUI.

13 Commenti

  1. Quando torna in America?

  2. Questa foto è a dir poco inquietante! Sembra far emergere l’anima nera di Diego. Mi chiedo, non è che forse gli autori a poco a poco stanno realizzando una trasformazione vera del personaggio, conosciuto come buono e assai assennato grazie anche alla vigilanza dei suoi genitori rendendolo invece un autentico cattivo, portandolo sempre più ad assecondare i suoi istinti peggiori ed egoistici col risultato finale di un Diego aggressivo, fuori controllo, borderline, con una vita sul filo della doppia personalità? Ricordo l’episodio in cui dopo aver baciato Rossella la trattò malissimo, fu duro fino ad umiliarla, che fossero i primi sintomi di un suo cambiamento interiore? Ci aspetta una storia alla Mr Hyde? Sarebbe un’ipotesi suggestiva, che ne pensate?

    • Io spero invece che il personaggio di Diego abbia una rinascita e torni ad essere una persona positiva, facendo ammenda per tutti gli errori commessi. I veri borderline per me sono i componenti della famiglia Leone. Jacopo è uno psicopatico pericoloso, Aldo un avvocato che gira con una pistola che non disdegna di usare e Delia, la peggiore, una grande ipocrita pronta a tutto pur di mantenere la facciata di una famiglia onorabile. E spero anche che la verità venga a galla e Aldo, se non ha denunciato il figlio o comunque discolpato Diego, venga radiato dall’ordine. È brutto che ad UPAS molti di coloro che commettono crimini, anche efferati (vedi Marina, Roberto, Elena), la facciano sempre franca.

      • Leila sono d’accordo con te su tutta la linea ed infatti in altri miei commenti ho espresso lo stesso auspicio di vedere Diego riprendere in mano la sua vita ed ottenere le soddisfazioni che finora gli sono mancate. Vedendo questa foto però e leggendo anche le anticipazioni che riferiscono di un’iniziativa shock ho cercato di intravederne il significato in un nuovo evolversi narrativo. Spero cmq di aver lavorato troppo di fantasia.

  3. Con Diego si sta veramente esagerando. Era credibile il discorso della depressione a causa dell’insoddisfazione lavorativa ed esistenziale, è purtroppo una tematica attuale… lo stalking no (oltretutto dopo un delicato intervento al cuore, che accanimento!), non lo vedo proprio “in personaggio”. Io capisco lo smuovere le acque, ma fino a un certo punto.
    Danno molto più spunti narrativi le dinamiche disfunzionali della famiglia Leone + Beatrice…

  4. Veramente, Nola, fu Rossella a baciarè Diego, il quale fu costretto a dirle, con decisione, di essere innamorato di un’altra ed io lo compresi perché la ragazza pareva non aver capito di non essere corrisposta e mi meravigliai anche di quel suo incaponimento, francamente! Anch’io, dopo aver letto le anticipazioni, sono convinta che ci sarà una rinascita per Diego; può essere che lui ricordi qualche particolare significativo che lo porti a parlarne con la Landolfi; non riesco a vedere un risvolto negativo, nella sua vita e men che meno nel suo carattere.

  5. Sono contenta che ieri Susanna abbia finalmente fatto una critica su Diego, dopo che tutti lo hanno accolto e difeso ( legittimo per carità per la questione del carcere) , ma non può passare il messaggio che sia una vittima perché non lo è! La questione dello stalking DEVE essere ripresa assolutamente e Diego deve prendersi la responsabilità delle sue azioni! Se non avesse pedinato a lungo Beatrice e non si fosse trovato là appostato quella sera, Jacopo non avrebbe avuto terreno fertile per compiere un quasi omicidio! Perciò Diego beato NO, sennò se ne stava a casina sua a guardare la tv!

  6. Lory, ho scritto le tue stesse considerazioni, ma sembra che il problema dello stalking, messo in atto da Diego,sia quasi un” incidente di percorso” dovuto ad un accumularsi di eventi negativi nella vita di lui; io dissento totalmente da questa visione delle cose e mi è molto dispiaciuto che, ieri sera, nessuno abbia fatto accenno ad un percorso di aiuto psicoterapico di Diego e ho anche avuto la sensazione che il ritorno di Patrizio sia stato ideato a mo’ di medicina, quasi che le abilità culinarie del fratello
    nonché la sua vicinanza fisica e affettiva possano contribuire a sanare una deriva pericolosa.Non trovo corretto questo risvolto:quando si arriva ai livelli di Diego è necessario l’aiuto di un professionista e non bastano l’affetto e la solidarietà di parenti e amici..

  7. Chiedo a chi, tra voi, sia disposto a rispondere e ad illuminarmi, di espormi una spiegazione in merito a qualcosa che non capisco.Ieri sera, ho letto, in un post, scritto dal regista Pierfrancesco Diliberto, che non ci sarà la terza stagione de” La mafia uccide solo d’estate”. Il regista ha anche aggiunto che “. ..è già stato un miracolo se siamo riusciti ad arrivare lì, quando l’obiettivo era di arrivare alla morte di Falcone e Borsellino”. La scelta della Rai è stata dettata, probabilmente, dagli ascolti che, dalla prima alla seconda serie, sono passati, da oltre 5 milioni, a 3,7 milioni di telespettatori, in prima serata, con il 14,8% di shake. Scusate, non ho mai brillato in matematica, ma il 14,8 di shake mi sembra una percentuale di tutto rispetto, o sbaglio? Se si fa concludere una serie televisiva che ottiene queste cifre, cosa dovrebbe decidere la Rai, in merito ad Upas che, ormai, viaggia su uno share del 6,6% e raggiunge il 7% quando, dopo vari giorni di anticipazioni,a tutti è noto che si arriverà al momento conclusivo o risolutivo di una trama portante! E, per favore non mi si venga a dire che una ” serie” è cosa diversa d una ” soap”, perché , allora, mi permetto di obiettare che lo” share” è sempre ” share”, numero di ascolti e la matematica, come è noto, non è un’opinione! Cosa devo pensare? Grazie a chi vorrà rispondermi ed anche a chi non cancellerà queste mie opinioni!

    • non seguo molto l’altalena dello share, i pochi programmi che guardo li guardo perchè mi piacciono e anche se fanno l’1% per me è lo stesso. detto questo, da un punto di vista soltanto matematico, se la percentuale indica la quantità di qualcosa rispetto alla cifra 100, anche senza essere cime in matematica come me,mi pare che 14 sia un pò pochino. poi, non so le dinamiche di share dei vari programmi. secondo me la rai, come servizio pubblico dovrebbe fregarsene un pò dello share e continuare a trasmettere cose di un certo livello. non si può sempre seguire i gusti del grande pubblico, questo lasciamolo fare alle tv commerciali.

  8. Anna, infatti, è quello che penso anch’io, sinceramente e questo concetto dovrebbe essere applicato a tutti i canali Rai, mi pare, non solo alla rete” ammiraglia”!Seguo anch’io i programmi che mi coinvolgono, senza guardare l’audience o share e avevo apprezzato quella serie televisiva che narrava, attraverso le vicende di una famiglia, un pezzo di storia d’Italia, per non parlare della professionalità degli attori! Non comprendo né approvo certe scelte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *