Il Segreto, Arantxa Aranguren a Tv Soap: “Encarnación è stata una moglie devota e una madre coraggiosa”

Arantxa Aranguren è Encarnacion a Il segreto
Arantxa Aranguren è Encarnacion a Il segreto

La stiamo vedendo in queste settimane nelle ultime puntate de Il Segreto, dove interpreta il personaggio di Encarnación, la moglie di Jesus Urrutia (Angel Hector Sanchez) e madre di Alicia (Roser Topias). Parliamo di Arantxa Aranguren, che noi italiana conosciamo anche per il ruolo di Guadalupe nella telenovela Una Vita.


Leggi anche: Il Segreto anticipazioni: JEAN PIERRE nel panico, ecco perché


Noi di Tv Soap abbiamo contattato l’attrice per farle qualche domanda sulla sua esperienza nella soap ambientata a Puente Viejo. Vediamo cosa ci ha raccontato…

Il Segreto: Tv Soap intervista Arantxa Aranguren (Encarnación)

Ciao Arantxa, benvenuta su TvSoap. Parliamo di Encarnación, il personaggio che hai interpretato nell’ultima stagione di El Secreto de Puente Viejo. Cosa ti è piaciuto particolarmente di lei?

Quello che mi è piaciuto maggiormente di Encarnación è stata la sua fedeltà ai suoi cari, la sua forza, la sua dedizione, la sua capacità di capire. Adoravo poi il fatto che fosse una cuoca.

Arantxa è stato una moglie devota per Jesus e una madre apprensiva per Alicia, che all’inizio era molto ribelle. Hai avuto difficoltà in certe scene?

È stato molto facile costruire questo personaggio, perché ho avuto la fortuna di avere due generosi compagni, che sono stati la famiglia di Alicia! C’erano sequenze di grande intensità emotiva, ma mi sono piaciute.

Forse non tutti ricordano che nella soap opera avevi già interpretato un altro personaggio. Ci rinfreschi la memoria?

Si chiamava Micaela ed era una madre in cerca di vendetta per la morte di sua figlia. Era un po’ psicopatica.

Con quali colleghi, con cui hai interagito meno, ti sarebbe piaciuto lavorare di più?

Mi mancavano le sequenze con gran parte del cast con cui mi sarebbe piaciuto lavorare. Difficilmente ho incrociato la famiglia De Los Visos. Mi sarebbe piaciuto avere più sequenze con Don Ignacio, interpretato da Manuel Regueiro.

Quali erano, dal suo punto di vista, i punti di forza e di debolezza di Encarnación? C’è stata qualche in cui tu, Arantxa, avresti reagito diversamente nei suoi confronti?

Non importa come avrebbe reagito Arantxa. La difficoltà e la bellezza del mio lavoro consiste nel difendere i personaggi, anche se sono lontani da te come persona. Quello che mi è piaciuto di più di questo personaggio è stata la sua evoluzione. Sua figlia Alicia le ha aperto un mondo di nuove idee: dall’essere una madre devota e una moglie tradizionale, ha poi abbracciato la difesa degli ideali di una vita migliore e delle condizioni sociali e lavorative di tutti. Mi è piaciuta la sua difesa di questi nuovi principi e l’orgoglio di difenderli, pur sapendo che hanno messo a rischio la vita di Alicia e hanno condotto il marito in carcere. È stata una mamma coraggiosa. Le sue debolezze sono state, invece, lecite e umane.

Come hai reagito alla notizia della chiusura della telenovela? Te lo aspettavi o è stato un fulmine dal nulla?

Sapevamo già che la serie stava finendo, ma è stato tutto più brusco a causa della pandemia da Covid-19. In effetti avevano sceneggiato un altro finale, che non avremmo mai potuto fare perché le riprese sono finite due mesi prima del previsto. Un finale brusco e decisivo è stato girato per finire la serie, ecco perché non abbiamo visto quasi nessuno dei personaggi in quell’ultimo capitolo.

Il pubblico italiano ti conosce anche per essere stata Guadalupe ad Acacias 38 (Una vita). Che ricordi hai di quel periodo?

Ho un bellissimo ricordo di Acacias 38. Sono stati (quasi) due anni molto intensi perché nelle serie quotidiane il ritmo di lavoro è frenetico, ma ho molto affetto per la mia Guadalupe, una donna dura e tenace. Ho imparato molto da quell’esperienza. Sono affezionata a tutto quel fantastico team di professionisti e ho anche guadagnato molti amici. La durata della serie e il pubblico che la vede ogni giorno ha determinato il suo successo.

Parliamo un po’ di te come attrice. Quando è nato in te il desiderio di recitare?

Fin dalla tenera età, ho avuto chiari il mio desiderio e il mio destino: lottare per essere un’attrice. A 18 anni, con l’approvazione della mia famiglia, sono partita per Madrid dalla mia città natale, Pamplona, ​​al fine di studiare arte drammatica. Tra poco festeggerò 30 anni di professione. Non è poco tempo, ma ho ancora lo stesso entusiasmo e la stessa voglia! Ho lavorato molto e in tutti i campi: teatro, televisione e cinema.

C’è un nuovo progetto di cui puoi parlarci?

Ho appena finito di girare un film di Iciar Bollain, “Maixabel”, con Blanca Portillo e Luis Tosar. Ho nuovi progetti che ora, come si suol dire, non posso svelare. Tuttavia, dopo questo terribile anno di pandemia, la vita e il lavoro stanno rinascendo. Quindi sono molto felice.

Il segreto: tutte le nostre news anche su Instagram (entrando da QUI)

Hai ancora sogni nel cassetto? Un regista o un attore con cui vorresti lavorare?

Ho ancora tanti sogni da realizzare, registi con cui mi piacerebbe lavorare, sfide da realizzare, ma non sogno niente in particolare. Spero di continuare questa professione finché il mio corpo o la mia vita me lo permetteranno. Con il tempo e l’esperienza, mi sento un po’ più saggia. Il prestigio è molto importante per me ed è quello che costruisco ogni giorno.

Con la collaborazione di Sante Cossentino per MassMedia Comunicazione

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Da non perdere: diventa fan della nostra pagina Facebook su Il segreto, del nostro account Instagram e del nostro canale Telegram per essere sempre aggiornato su tutte le anticipazioniVi ricordiamo che tutte le notizie sulle anticipazioni italiane e spagnole de Il segreto SONO QUI. Le trame delle puntate, invece, SONO QUI.