L’alligatore: MATTEO MARTARI, lo vedremo anche in un’altra fiction. Ecco quale

Matteo Martari è L'ALLIGATORE
Matteo Martari è L'ALLIGATORE

Al via su Rai 2 da stasera L’Alligatore, la nuova fiction incentrata sulla storia di Marco Buratti, un ex bluesman vittima di un grossolano errore giudiziario che, dopo aver scontato sette anni di carcere, si trasforma in un insolito giustiziere detective (QUI tutte le anticipazioni). A interpretare il protagonista è l’attore ed ex modello trentaseienne Matteo Martari, il quale in un’intervista rilasciata recentemente al settimanale TV Sorrisi e Canzoni ha descritto in breve il suo personaggio, dicendo che “la vita gli ha lasciato importanti cicatrici“.


Leggi anche: Buongiorno mamma, anticipazioni seconda puntata di mercoledì 28 aprile


La fiction, che andrà in onda divisa in quattro puntate, nasce dalla penna del romanziere veneto Massimo Carlotto, già autore del romanzo autobiografico “Il fuggiasco”, da cui ne è stata ricavata anche una trasposizione cinematografica. L’attore ha inoltre rivelato che non aveva mai letto i romanzi di Carlotto, nonostante, come da lui stesso dichiarato, abbia ora provveduto subito a recuperare divorando tutti i suoi libri, anche quelli “che non c’entravano niente col personaggio che dovevo interpretare“.

Non solo questa nuova serie per Martari, impegnato in questi giorni impegnato sul set di Cuori, il nuovo medical drama di Rai 1 ambientato nella Torino degli anni ‘60 e che andrà in onda presumibilmente nella primavera 2022. Quanto a L’alligatore, Martari già auspica il bis:

Mi sta chiedendo se ci sarà una seconda stagione? Magari!

Infine vi anticipiamo la trama ufficiale della prima puntata de L’alligatore, dal titolo La verità dell’alligatore:

L’avvocato Barbara Foscarini si presenta alla Cuccia, il locale dove l’Alligatore ha trovato rifugio. Alberto Magagnin, il suo assistito, sembra essere sparito nel nulla. Fatto alquanto strano, visto che si trova in regime di semilibertà e gli manca poco per scontare completamente la pena. Magagnin è un gigolò di provincia, un povero cristo che l’Alligatore ha conosciuto in carcere, dove è nata un’amicizia che ha continuato a legarli nonostante la distanza. L’Alligatore ha una motivazione forte per accettare il caso, non esita, si mette subito all’opera, scopre che Magagnin ha ricominciato con l’eroina e che, soprattutto, aveva una relazione con una donna più matura di lui, Piera Belli. L’Alligatore riesce ad arrivare all’abitazione della donna, ma arriva tardi: anche Piera Belli è morta e nel suo appartamento c’è il telefono di Magagnin.

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Tutte le nostre news anche su Instagram (entrando da QUI)