Fiction SANDOKAN con Can Yaman: presto al via le riprese della serie tv

Can Yaman
Can Yaman

Tutto pronto per l’inizio delle riprese di Sandokan, la miniserie evento sull’omonima Tigre della Malesia nata dalla penna dello scrittore italiano Emilio Salgari e portata al successo nel 1976 dall’attore indiano Kabir Bedi.


Leggi anche: INES DELL’ANIMA MIA cast: personaggi e interpreti della serie tv di Canale 5


L’atteso reboot targato Lux Vide potrà contare sulla bellezza e il talento dell’attore turco Can Yaman, divenuto popolare grazie a serie romantiche come Bitter Sweet – Ingredienti d’amore, DayDreamer – Le ali del sogno e la recentissima Mr Wrong – Lezioni d’amore.

Oltre all’indiscusso fascino esotico di Can, la serie vanta nel cast anche la presenza di un altro interprete amatissimo per il suo talento ma anche per la sua bellezza: Luca Argentero, il protagonista della serie rivelazione della passata stagione Doc – Nelle tue mani, di cui proprio in questi giorni sta girando la seconda stagione.

Invece ancora non è stato rivelato il nome dell’attrice che presterà il volto a Lady Marianna, la Perla di Labuan, che nell’imponente versione di Sergio Sollima fu interpretata dalla bella attrice francese Carole André.

Tutte le nostre news anche su Instagram (entrando da QUI)

Luca Bernabei, amministratore delegato Lux Vide, ha anticipato che la nuova serie, formata da otto episodi da cinquanta minuti ciascuno, sarà una versione moderna e contemporanea del famoso sceneggiato degli anni Settanta e dunque i protagonisti lasceranno l’Ottocento per essere catapultati ai giorni nostri!

Come risponderà a questa inaspettata novità il pubblico che a suo tempo fu fan dell’ambientazione malesiana ottocentesca? In attesa di scoprirlo, vi segnaliamo che il nuovo Sandokan, ancora prima di battere il suo primo ciak, pare sia già conteso non solo da varie emittenti televisive nazionali ma anche dai maggiori broadcaster internazionali e dalle principali piattaforme streaming. Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.