Tempesta d’amore, anticipazioni puntate tedesche: David e Desirée contro Friedrich per incastrare Beatrice!

David, Beatrice e Desiree, Tempesta d'amore © ARD Christof Arnold
David, Beatrice e Desirée, Tempesta d'amore © ARD/Christof Arnold

Saranno all’insegna della vendetta le puntate della fase finale della dodicesima stagione di Tempesta d’amore! Se da una parta i due protagonisti Clara (Jeannine Michèle Wacker) e Adrian (Max Alberti) potranno finalmente coronare il loro amore con delle nozze da favola, infatti, per altri personaggi centrali della soap sono in arrivo delle rivelazioni sconvolgenti…


Leggi anche: Tempesta d’amore, anticipazioni italiane: Lucy salva il matrimonio dei suoi genitori e decide di…


Stiamo parlando di David Hofer (Michael N. Kühl), figlio ed ex complice della perfida Beatrice (Isabella Hübner), da cui si è allontanato definitivamente dopo essersi innamorato di Luisa (Magdalena Steinlein). Come sappiamo, il ragazzo è cresciuto nella convinzione di essere responsabile della morte del padre, ma presto scoprirà che le cose stanno diversamente…

Quando il sommelier verrà colpito da una cecità tanto improvvisa quanto inspiegabile, Charlotte (Mona Seefried) lo farà visitare un noto psicoterapeuta – un certo Dr. Knieström – che si convincerà che l’improvvisa perdita della vista da parte del giovane Hofer sia stata provocata da un trauma da lui vissuto durante l’infanzia. Ebbene, durante una delle sedute con il medico, David finirà finalmente per ricordare che fu Beatrice e non lui ad uccidere suo padre!

Inutile dire che il ragazzo rimarrà sconvolto di fronte ad una simile rivelazione e, dopo aver superato la rabbia iniziale, deciderà di concentrare tutte le sue forze su un unico obiettivo: smascherare la madre come assassina e farla pagare per il male da lei commesso.

Per portare a termine il proprio piano, il sommelier avrà bisogno di aiuto e troverà un’alleata preziosa in sua sorella Desirée (Louisa von Spies). Quest’ultima stringerà un accordo con Adrian (Max Alberti) facendosi versare una lauta somma in cambio della concessione dell’annullamento del loro matrimonio ed utilizzerà il denaro per assoldare dei detective privati nella speranza di trovare delle prove per incastrare la madre.

Ben presto i due fratelli si renderanno però conto che trovare le prove di un omicidio avvenuto più di vent’anni prima non è affatto semplice e decideranno dunque di cambiare strategia: incastrare Beatrice per il tentato omicidio di Charlotte! Come sappiamo, infatti, la dark lady ha cercato di togliere la vita alla sorella, che è sopravvissuto ma pagando un prezzo molto alto

I due si introdurranno dunque nell’appartamento di Friedrich (Dietrich Adam) alla ricerca di prove e troveranno una chiavetta USB, che si rivelerà contenere una conversazione tra l’uomo e la Hofer. Ebbene, quando Stahl scoprirà l’accaduto minaccerà i figli dell’ex fidanzata di licenziarli in tronco se intraprenderanno qualunque azione contro la madre finché è incinta! Dopo aver chiuso i rapporti con la donna, infatti, l’albergatore ha scoperto che quest’ultima aspettava un figlio da lui.

Nel frattempo, Beatrice dimostrerà ancora una volta di essere un passo avanti a tutti e si dirà pronta a dichiarare davanti alla polizia di aver sparato all’ex marito per errore. David, però, capirà subito le intenzioni della madre: la donna sa infatti benissimo di non poter essere più condannata per il suo crimine!

Il ragazzo riuscirà a far pagare Beatrice per il male da lei fatto?

(Puntate 2682-6, in onda in Germania dall’8 al 12 maggio 2017)

Da non perdere: diventa fan della nostra pagina Facebook su Tempesta d’amore. Ecco l’indirizzo: https://www.facebook.com/tempestadamoresutvsoap/

Attenzione: hai TELEGRAM sul tuo smartphone? Se sì, iscriviti al nostro canale per essere sempre aggiornato su anticipazioni e trame delle soap opera, Tempesta d’amore compresa naturalmente! Ecco l’indirizzo: http://www.telegram.me/tvsoap.

Vi ricordiamo che tutte le notizie sulle anticipazioni tedesche ed italiane di Tempesta d’amore SONO QUI. Le trame delle puntate, invece, SONO QUI.